giovedì 3 aprile 2008

Schedature sessuali per i teatranti inglesi



Dall’Inghilterra soffiano sempre brezze di novità che spesso preludono ad innovazioni epocali nei comportamenti sociali . Non sempre ovviamente queste novità sono del tutto condivisibili , è il caso delle informazioni sui gusti sessuali pretese dall’Art Council ai poveri ( sic ) operatori teatrali inglesi .
Come ogni anno l’ente teatrale inglese che sovrintende alla distribuzione dei fondi statali ha consegnato ad ogni operatore varie cartelle ( in pratica uno schedario con varie caselle ) da compilare a penna , ma questa volta ecco una novità per certi aspetti curiosa, imbarazzante e riprovevole. Viene richiesto in una cartella di specificare ( sempre tramite caselle prestampate) il proprio orientamento sessuale : vi si legge eterosessuale, gay, lesbica, bisessuale o “unknown “ per gli indecisi .
Mi domando : ma a cosa serve una tale informazione ? Questa domanda è stata già formulata a Miss. Audrey Roy,direttrice del dipartimento finanziamenti dell’Art Council che ha in sintesi risposto che l’ente vuole sapere a chi vanno i soldi dei contribuenti e a quale tipo di pubblico potrebbero essere indirizzati gli spettacoli che quei soldi finanziano. Di male in peggio !

Nessun commento:

Quanti siamo ?