lunedì 16 giugno 2008

E’ più famoso Robert De Niro Sr o Jr ?

Il pittore Robert De Niro Sr è fra i massimi esponenti della pittura americana della metà del XX secolo.
Nasce a Syracuse, nello Stato di New York, nel 1922, da genitori italiani emigrati dall’Abruzzo, ed in questa città inizia a frequentare i corsi e le lezioni di arte, che lo porteranno a studiare e lavorare con maestri del calibro di Hans Hofmann, pittore tedesco che a Parigi frequentava Matisse, Picasso, Braque e Delaunay e che fu, dopo il trasferimento a New York, insegnante di Jackson Pollock e, uno dei primi sperimentatori del “dripping”.
Allievo quindi di Joseph Albers, altro artista tedesco trasferitosi in America negli stessi anni e teorizzatore, oltre che sperimentatore, dei meccanismi del colore e della percezione visiva, fa la sua prima esposizione nel 1945 al Salone d’Autunno della mitica galleria Art of This Century di New York.
Nel 1942, ventunenne, si era sposato con Virginia Admiral, una compagna di studi di origine irlandese , in seguito artista di talento, che l’anno successivo aveva dato alla luce Robert De Niro Junior, futuro grande attore del cinema americano. Il matrimonio durò pochissimo , subito dopo la nascita del figlio i due si separano. Iniziò per Robert De Niro Sr. un periodo di intensa attività : espose in personali e collettive ospitate in rappresentative gallerie americane, si trasferì in Francia, negli anni dal 1961 al 1964, ricevette il riconoscimento della “Guggenheim Fellowship”, nel 1968, iniziò anche l’attività di insegnante in importanti Università e Scuole d’Arte americane.
Continuò per decenni a lavorare esponendo sia negli Stati Uniti che in Gran Bretagna, ricevendo attestazioni di stima che culminarono con il conferimento dell’Honorary Degree al Briarwood College di Southington nel Connecticut.
L’artista morì a New York nel 1993.

Permettetemi un giro di parole per descrivere la pittura di De Niro :nei suoi quadri le forme morbide definite da segni forti sono rese piene da macchie di colori splendenti e luminosi come un espressionista astratto sa fare quando risente molto delle suggestioni francesi del segno, delle forme derivate da Cèzanne, del colore di Matisse e dai “fauves”.
Se vi sembra un po’ difficile da comprendere basta guardare i suoi quadri e tutto diventa facile e leggibile .















Il titolo dell’articolo è solo provocatorio . Rispondete voi.

Nessun commento:

Quanti siamo ?