domenica 20 maggio 2012

Propoli e miele contaminati ?

Il propoli  è una sostanza resinosa che le api raccolgono dalle gemme e dalla corteccia delle piante; dopo il raccolto, la elaborano con l’aggiunta di cera, polline ed enzimi prodotti dalle api stesse. L'uomo ha ormai imparato a conoscere le innumerevoli proprietà terapeutiche del prodotto naturale :antibiotiche,anti-infiammatori,antimicotiche,antiossidanti ,antivirali ,anestetiche ,cicatrizzanti,antisettiche ,immunostimolanti e vasoprotettive per questo è facile immaginare il grande incremento di vendita di questo prodotto per confezionare in particolare propoli in soluzione idroalcolica ,particolarmente richiesto per combattere i fastidiosi malanni invernali alla gola. In questi ultimi anni , però , si è verificato negli allevamenti di api una grande moria dovuta in particolare ad un acaro parassita chiamato'varroa'.
Gli apicultori hanno imparato a difendere i loro preziosi alveari utilizzando potenti acaricidi come coumaphos e chlorfenvinfos che però , oltre certe concentrrazioni , possono contaminare i prodotti delle api con gravi ripercussioni sulla salute del sistema nervoso dell'uomo. Già dal 2003 il chlofenvifos era stato vietato , ma la Guardia Forestale di Comunanza (Ascoli Piceno) ha avviato un accurato controllo denominato 'Ape Maia-Bio'su questi tipi di prodotti a base di propoli sequestrando migliaia di confezioni di preparati a base di propoli (tra cui 2.000 bottigliette di soluzione idroalcolica e 455.000 perle da masticare) e miele bio taroccato contenenti acaricidi non consentiti dalla legge Secondo gli accertamenti della Forestale sul mercato nazionale sono stati immessi ed utilizzati fogli di cera pronti all'uso, contaminati da questi fitofarmaci vietati per sconfiggere la varroa in modo veloce e a costi bassi. Striscette imbevute di chlorfenvinfos erano state indrodotte nell'alveare, facendo cosi' entrare in contatto il miele con la cera contamina, da qui le tracce della pericolosa contaminazione da fitofarmaci vietati , che possono provocare gravi disturbi al nostro sistema nervoso.

Nessun commento:

Quanti siamo ?