domenica 16 settembre 2012

L'Italia che non funziona : una significativa manifestazione per la Salerno-Reggio Calabria



Nel 1964 il governo italiano decise di costruire un'autostrada che rendesse “ più vicina al resto d'Italia “una regione che a causa dei molti rilievi montuosi non era facilmente raggiungibile con le auto ed i camion. Iniziò “ un italico tormentone “ con aperture di tratti a “ singhiozzo “ , rifacimenti continui pezzi già ultimati e sperpero colossale di denaro pubblico ! Questa la cronologia delle prime realizzazioni :

1966: apertura tratto Salerno - Lagonegro

1968: apertura tratto Lagonegro - Cosenza

1969: apertura tratto Cosenza - Gioia Tauro

1972: l'autostrada viene completata fino a Reggio Calabria.

Ma 40 anni fa a lavori “ apparentemente finiti “, l'autostrada assomigliava tuttavia più a una grande strada statale che a un'autostrada: dotata di due - strette - corsie per senso di marcia e priva di corsie d'emergenza. Negli anni a venire, in estate si sono segnalati puntualmente interruzioni, ingorghi e incidenti in tutta la tratta autostradale. Alla fine degli anni ottanta il governo italiano si è reso conto che l'autostrada doveva essere assolutamente ammodernata. Ciò nonostante dieci anni dopo la situazione non era ancora cambiata; se ne è accorta anche l'Unione europea, che ha obbligato l'Italia a far sì che la Salerno-Reggio Calabria corrispondesse alle normative europee.
Nel 1997 la fine dei lavori era prevista per il 2003, poi rinviata al 2008 e quindi nuovamente posticipata al 2013. 
Per questo motivo il giorno 15 settembre 2012  dal casello autostradale di San Giorgio a Cremano (Napoli) e' partita la manifestazione indetta per denunciare il mancato completamento dei lavori sull' autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria, iniziati quasi cinquant'anni fa. 

Per l'occasione e' stata anche preparata una torta con la scritta '50 anni di vergogna'.

Nessun commento:

Quanti siamo ?