martedì 8 gennaio 2013

Assegnato il Premio Galeno Italia 2012



Premio Galeno, che prende il nome dal celebre medico del mondo antico (Galeno nacque nel 129 d.C. a Pergamo in Turchia ed è considerato il padre della medicina e della farmacologia moderna ), fu istituito per la prima volta in Francia nel 1970 grazie all’iniziativa di un farmacista francese, Roland Mehl, con l’obiettivo di promuovere i progressi più significativi nella ricerca in campo farmaceutico. L'iniziativa in pochi anni si è sviluppata in molti altri paesi europei ( Belgio e Lussemburgo nel 1982; Regno Unito nel 1988; Italia nel 1989 ; Spagna nel 1990; Portogallo nel 1992 e Svizzera nel 2001) ed extraeuropei ( Canada 1993; Stati Uniti 2007 , Polonia ,Turchia ,Israele e Sud Africa nel 2012 ). Per l'importanza scientifica raggiunta a livello internazionale il Premio Galeno è ormai considerato come l’equivalente del premio Nobel per il settore farmaceutico. Fingolimod, farmaco sviluppato da Novartis per il trattamento della sclerosi multipla, e agomelatina, antidepressivo frutto della ricerca Servier, si sono aggiudicati a pari merito il Premio Galeno Italia 2012 per la categoria Innovazione del farmaco. Ha consegnato il Premio il Prof. Giorgio Racagni, ordinario di Farmacologia e direttore del dipartimento di Scienze farmacologiche e biomolecolari dell’Università degli Studi di Milano. Tanto per comprendere semplicemente le primarie basi scientifiche di queste due gravi patologie voglio ricordare che : la sclerosi multipla (SM), chiamata anche sclerosi a placche,è una malattia autoimmune cronica demielinizzante, che colpisce le cellule nervose rendendo difficoltosa la comunicazione tra cervello e midollo spinale causando un ampio spettro di segni e sintomi mentre la depressione è una patologia dell'umore, tecnicamente un disturbo dell'umore caratterizzata da un insieme di sintomi cognitivi, comportamentali, somatici ed affettivi che, nel loro insieme, sono in grado di diminuire in maniera da lieve a grave il tono dell'umore.

 

.

Nessun commento:

Quanti siamo ?