domenica 15 settembre 2013

Una mania solo umana ? Quella di farsi trovare !




Per ora sembra proprio di si , perchè la scienza ufficiale non ci ha mai comunicato ( ad oggi !) di avere rilevato con i potenti mezzi a nostra disposizione ( radiotelescopi ) tentativi da parte di " intelligenze esterne " di comunicarci la loro presenza .
 Comunque l'uomo ha già inviato nel cosmo il messaggio della propria presenza fino dagli anni ' 70 quando il Programma Pioneer portò 2 sonde spaziali ( una nel 1972 e l'altra nel 1973) nello spazio provviste di due placche metalliche che identificano  il loro luogo e il loro tempo d'origine . Successivamente con Voyager 1 e 2 ( 1977 )il progetto è divenuto più raffinato ed ambizioso. Si , perchè a bordo delle sonde Voyager è inserito un messaggio con  l'intenzione di comunicare la storia del nostro mondo ad eventuali forme di vita extraterrestri.

« Questo è un regalo di un piccolo e distante pianeta, un frammento dei nostri suoni, della nostra scienza, delle nostre immagini, della nostra musica, dei nostri pensieri e sentimenti. Stiamo cercando di sopravvivere ai nostri tempi, cosi' da poter vivere fino ai vostri. »
(Jimmy Carter, Presidente degli Stati Uniti d'America)







Tecnicamente il progetto  è stato realizzata inserendo nelle due sonde spaziali il  Golden Record , praticamente  un disco per grammofono di rame placcato oro da 12 pollici contenente suoni e immagini selezionate per rappresentare la diversità della vita e della cultura sulla Terra.
  È concepito per qualunque forma di vita extraterrestre o per la specie umana del futuro che lo possa trovare. La sonda Voyager impiegherà 40.000 anni per arrivare nelle vicinanze di un'altra stella.
Intanto divertiamoci a  valutare con orgoglio la notizia giunta poche ore fa :il 12 settembre 2013 la NASA ha confermato che la Voyager 1,si trova  ad  una distanza di circa 125 UA dal Sole entrando così  ufficialmente nello spazio interstellare. Questo ci fa venire in mente una serie di domande tra le quali due sono le principali : per quanto tempo ancora avremo la possibilità di avere un seppur minimo contatto con questa nostra  stupenda realizzazione e dove sta dirigendosi ?

La Voyager 1 è alimentata da una batteria RTG( Generatore Termoelettrico a Radioisotopi) che le permetterà di funzionare, seppure in modo limitato, fino al 2025 quando avrà raggiunto oltre 25 miliardi di chilometri di distanza dalla Terra.
Tuttavia nel 2025 la comunicazione con la sonda sarà molto improbabile perché il giroscopio, che permette di tenere orientata l'antenna verso la Terra, smetterà di funzionare nel 2016 quando è previsto che la sonda si trovi a una distanza dal Sole compresa tra 133 e 138 UA.
La sonda si sta dirigendo in direzione della costellazione dell'Ofiuco e tra circa 38.000 anni passerà ad una distanza di circa 1,7 anni luce dalla stella AC+793888 situata nella costellazione dell'Orsa Minore.



...ed infine : se qualcuno un giorno anche lontanissimo dalla nostra epoca  ci troverà ,sarà stato merito di uno di questi Golden record ? Chi lo saprà mai !
A meno che un omino , basso, tozzo e con le orecchie a trombetta una sera non ci suoni il campanello di casa porgendoci un Golden record e chiedendoci con voce metallica " ma è vostro ! mi è piovuto in giardino !

Nessun commento:

Quanti siamo ?