venerdì 7 novembre 2014

Il mar Morto visto dallo spazio


Questa bellissima foto realizzata dal satellite  dell'ESA  ( Agenzia Spaziale Europea) Landsat-8  il 4 luglio 2013,mette in evidenza il Mar Morto, il punto più basso sulla superficie terrestre.
Dal punto di vista geografico il satellite nel momento dello scatto fotografico  si trovava su una parte del Medio Oriente, con la Rift Valley giordana che va da nord a sud.

il satellite Landsat-8


La caratteristica più importante in questa immagine è il Mar Morto che è posto a più di 420 m sotto il livello del mare. L'elevata salinità  impedirebbe la vita ad un pesce , anche se ci sono batteri e funghi.

Alimentato esclusivamente dal fiume Giordano, il Mar Morto è un bacino 'endorheic', il che significa che l'acqua non ha uscita. Tuttavia, il livello dell'acqua è calata, un effetto della sottrazione di acqua in ingresso dal fiume.

Notare i rettangoli verdognoli appena a sud del Mare. Questo è un grande complesso di minerali stagni di evaporazione utilizzati per la produzione di cloruro di sodio e altri sali per l'industria chimica e il consumo umano e animale. Questi stagni sono separati dalla parte settentrionale del Mar Morto da quella che un tempo era la penisola Lisan ma abbassando il livello dell'acqua hanno esposto il fondo del mare, che divide completamente le due sezioni.

Per tutto il resto dell'immagine si può vedere centri abitati, come Amman, capitale della Giordania, in alto a destra e Gerusalemme, immerso nel verde delle colline a ovest del Mar Morto. Più a ovest si possono vedere macchie verdi dell'agricoltura sulla pianura costiera, con Tel Aviv, sulla costa mediterranea.

Nell'angolo in basso a sinistra dell'immagine, possiamo vedere chiaramente la divisione tra Israele e la Striscia di Gaza non solo per il contorno del confine, ma  anche nella differenza nelle pratiche agricole.


Copyright USGS / ESA




Nessun commento:

Quanti siamo ?