lunedì 26 ottobre 2015

Il cancro:una malattia con tanti responsabili

fra questi individuate anche le carni lavorate




L' International Agency for Research on Cancer o Centre international de Recherche sur le Cancer, l'organismo internazionale con sede a Lione in Francia, ha, tra i vari compiti svolti, quello di definire  le linee guida sulla classificazione del rischio relativo ai tumori di agenti chimici e fisici. L'agenzia intergovernativa IARC è parte dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) delle Nazioni Unite.

Categoria 1  : cancerogeno per l'uomo.
Group 1: L'agente è cancerogeno per l'uomo. Questa categoria viene utilizzata quando vi sono prove sufficienti di cancerogenicità nell'uomo. Eccezionalmente, un agente può essere collocato in questa categoria quando l'evidenza di cancerogenicità negli esseri umani è meno che sufficiente, ma ci sono prove sufficienti di cancerogenicità negli animali da esperimento e forte evidenza negli esseri umani esposti che l'agente agisce attraverso un meccanismo rilevante di cancerogenicità.

Categoria 2 : cancerogeno probabile o possibile per l'uomo.
Questa categoria comprende agenti per cui  il grado di evidenza di cancerogenicità nell'uomo è quasi sufficiente, così come quelli per cui,  non ci sono dati sull'uomo, ma per i quali c'è evidenza di cancerogenicità in esperimenta animali. Gli agenti sono assegnati a Gruppo 2A (probabilmente cancerogeno per l'uomo) o di gruppo 2B (possibile cancerogeno per l'uomo) sulla base di evidenze epidemiologiche e sperimentali di cancerogenicità e dati rilevanti meccanicistici . I termini probabilmente cancerogeni e possibilmente cancerogeni non hanno rilevanza quantitativa e sono usati semplicemente come descrittori dei diversi livelli di evidenza di cancerogenicità umana." Probabilmente cancerogeno" significa un più alto livello di evidenza che " possibilmente cancerogeni".
Group 2. Categoria 2A : cancerogena probabile per l'uomo.
L'agente è probabilmente cancerogeno per l'uomo. Questa categoria viene utilizzata quando non vi è una limitata evidenza di cancerogenicità nell'uomo e prove sufficienti di cancerogenicità negli animali da esperimento. In alcuni casi, un agente può essere classificata in questa categoria quando vi è evidenza inadeguata di cancerogenicità nell'uomo e prove sufficienti di cancerogenicità negli animali da esperimento e una forte evidenza che la carcinogenesi è mediata da un meccanismo che opera anche negli esseri umani. Eccezionalmente, un agente può essere classificato in questa categoria unicamente sulla base della limitata evidenza di cancerogenicità per l'uomo. Un agente può essere assegnato a questa categoria se appartiene chiaramente, sulla base di considerazioni meccanicistiche, ad una classe di agenti per i quali uno o più membri sono stati classificati nel gruppo 1 e gruppo 2A.
Group 2ACategoria 2B : cancerogena possibile per l'uomo.
L'agente è probabilmente cancerogeno per l'uomo. Questa categoria viene utilizzata per gli agenti per i quali esiste una limitata evidenza di cancerogenicità nell'uomo e meno prove sufficienti di cancerogenicità negli animali da esperimento. Esso può essere utilizzato anche quando vi è evidenza inadeguata di cancerogenicità nell'uomo ma ci sono prove sufficienti di cancerogenicità negli animali da esperimento. In alcuni casi, un agente per il quale esiste evidenza inadeguata di cancerogenicità nell'uomo e meno prove sufficienti di cancerogenicità negli animali da esperimento nonché di altri elementi dai dati pertinenti meccanicistici può essere messo in questo gruppo. Un agente può essere classificata in questa categoria unicamente sulla base di una forte evidenza dai dati pertinenti meccanicistici e altri.
Group 2B: Categoria 3  : classificazione impossibile riguardo all'azione cancerogena per l'uomo.
L'agente non è classificabile riguardo alla sua cancerogenicità per categoria umana.Questa categoria è  usata più comunemente per gli agenti per i quali l'evidenza di cancerogenicità è inadeguata per l'uomo e inadeguata o limitata in animali da esperimento. Eccezionalmente, gli agenti per i quali l'evidenza di cancerogenicità è inadeguata per l'uomo ma sufficiente negli animali da laboratorio possono essere messi in questa categoria quando vi è una forte evidenza che il meccanismo di cancerogenicità negli animali da esperimento non funziona negli esseri umani. Gli agenti che non rientrano in nessun altro gruppo sono anche inseriti in questa categoria. Una valutazione in gruppo 3 non è una determinazione di non cancerogenicità o la sicurezza complessiva. E 'spesso significa che sono necessarie ulteriori ricerche, soprattutto quando le esposizioni sono molto diffuse o i dati sul cancro sono coerenti con interpretazioni divergenti.

Group 3Categoria 4  : probabilmente non cancerogena per l'uomo.

Group 4 L'agente non è probabilmente cancerogeno per l'uomo. 
Questa categoria viene utilizzata per gli agenti per i quali vi sono prove che suggeriscono la mancanza di cancerogenicità nell'uomo e negli animali da esperimento. In alcuni casi, gli agenti per i quali esiste evidenza inadeguata di cancerogenicità nell'uomo, ma prova che suggerisce la mancanza di cancerogenicità negli animali da esperimento, in modo coerente e fortemente sostenuta da un'ampia gamma di dati relativi meccanicistici e altri, può essere classificata in questo gruppo.

Ecco un elenco di alcuni dei «carcinogeni certi per la salute umana» contenuti nel gruppo 1, che comprende al momento 118 agenti tra i quali benzene, amianto, inquinamento atmosferico,fumo attivo e passivo del tabacco, radiazioni ultraviolette, virus epatite B e C, papilloma virus, bedvande alcoliche , clorro di vinile , ecc. A questo elenco  l'International Agency for Research on Cancer (IARC) dell'Oms ha aggiunto ultimamente  le carni lavorate come i wurstel dopo che un gruppo di studiosi appositamente incaricati  hanno attentamente valutato i risultati  di molti studi di settore  nei quali è evidenziato il loro rapporto con l'insorgenza  del tumore colonrettale.
Per tutte le voci incluse nella lista è stata stabilita una “concentrazione-soglia”, diversa per ciascun cancerogeno e relativa alla quantità massima che l’organismo può sopportare senza subire danni Ma è difficile calcolare gli effetti negativi che l’organismo può subire se viene a contatto con diverse sostanze contemporaneamente, sia pure tutte entro la concentrazione massima considerata accettabile.

Nessun commento:

Quanti siamo ?